lunedì 31 marzo 2014

PASTIERA CON CREMA PASTICCERA SENZA CANDITI - RICETTA N° 75

Se c'è una cosa che ho imparato visionando i vari blog su internet, è questa: la nascita di una ricetta, parte con una ricetta originale, questa  poi con il passare del tempo subisce variazioni di ogni sorta, in base alla creatività e alla fantasia, vengono infine rielaborate e plasmate in base ai gusti di ogni famiglia. Alcuni ingredienti si tolgono del tutto se non
piacciono, o vengono sostituiti con altri di preferenza. Anche la Pastiera Napoletana ha subito questa trasformazione. Dolce tipico della tradizione di Pasqua; un involucro di pasta frolla che viene riempito con una crema di grano cotto nel latte e burro, addolcito, alla quale si aggiunge una sostanziosa crema di ricotta, uova e zucchero, e per ultimo i canditi.  Secondo alcuni, non esiste una ricetta codificata, ogni famiglia fa la sua ricetta tramandata dalle generazioni precedenti e mangia solo quella. Secondo altri la pastiera è un dolce che si regala, e ne prepara tante per tale scopo, quello di regalarla. Comunque la pensiate, io vi propongo la mia versione basata sulla variazione della ricetta classica, che ho adattato ai gusti della mia famiglia. L'ho preparata per la prima volta, in occasione della pasqua 2013. Erano anni, che mi ripetevo: "quest'anno provo a farla". E tutto è coinciso, con la decisione di aprire il mio blog, perché da allora, ho cominciato a fotografare tutto quello che cucinavo. Dopo aver visto innumerevoli blog, ho elaborato la mia personale interpretazione della Pastiera. Il giorno in cui mi sono messa all'opera, ne ho fatte ben 3. La prima per il giorno di pasqua, la seconda per la pasquetta e la terza è stata una versione, senza glutine per mia sorella che è celiaca. Se come me dovete fare 2 pastiere, comprate il barattolo grande di grano cotto ( il mio era di 580 g ) e dividete per 2 il contenuto, e procedete secondo la ricetta. Se volete farne solo 1, in commercio esistono barattoli per realizzare 1 pastiera di circa 400 g, in tal caso aggiungete alla dose 1 cucchiaio in più di zucchero, e 50 ml di latte in più, per fare la crema di grano cotto. Non potete immaginare, la gioia nello sfornare questo dolce. Era così bello a vedersi, che il mio viso aveva un sorriso da parte a parte. Ricordate: la pastiera deve essere preparata qualche giorno prima, e se volete rispettare la tradizione, preparatela il giovedì prima di Pasqua. Io ho tolto del tutto i canditi perché in famiglia non piacciono a nessuno, ho diminuito la dose di ricotta e aggiunto la crema pasticcera, e ho usato mezza fialetta di aroma acqua di fiori d'arancio, perché per me l'odore era troppo forte. Quando ho mangiato il dolce ho capito che avevo fatto la scelta giusta. Se usate l'aroma millefiori, invece, potete mettere tutta la fialetta, perché è più delicato. La mia  pastiera è piaciuta a tutti. Tre giorni dopo, c'era ancora chi andava in giro a elemosinare una fetta di pastiera rimasta. Quindi se anche voi, non vi siete ancora cimentati nella realizzazione di questo dolce magnifico, e volete provare questa di ricetta in occasione della prossima festività di Pasqua, ne sarò felice. Fatemi sapere come è andata.


Dose: per uno stampo di cm 27 di dm
Tempo di preparazione: 60 minuti
Tempo di cottura: 60 minuti

Ingredienti per la pasta frolla: 300 g di farina 00, 150 g di zucchero semolato, 150 di burro tolto 15 minuti prima dal frigorifero, 1 uovo + 2 tuorli, 1 pizzico di sale, la scorza grattugiata di  1 limone biologico, 1 cucchiaino di lievito in polvere per dolci (facoltativo, io lo uso perché lo preferisco)

Ingredienti per la crema pasticcera: 250 ml di latte fresco intero, 2 rossi d'uovo, 80 g di zucchero, 45 g di farina o fecola, 1 bustina di vanillina e la scorza grattugiata di 1 limone biologico.

Ingredienti per la crema di grano: 290 g di grano cotto, 200 g di latte fresco intero, 50 g di strutto, 1 cucchiaio di zucchero.

Ingredienti per la crema di ricotta: 350 g di ricotta di mucca passata al setaccio, 100 g di zucchero, mezza fialetta di acqua di fiori d'arancio o 1 intera di millefiori, 2 uova medie, mezzo cucchiaino raso di cannella in polvere.


PREPARAZIONE:

Preparate la pasta frolla con le dosi scritte sopra, cliccate qui per vedere il procedimento. Mettete in frigorifero a riposare.


In un pentolino mettete il latte, lo strutto, lo zucchero, il grano e portate a bollore.


Cuocete fino a che il latte non si è ritirato formando una crema. Ora potete decidere se frullare il grano con il frullatore ad immersione. O lasciare il grano intero. Fate raffreddare. Questo che vedete in foto è intero.


Questo invece è come si presenta se lo frullate.


Preparate la crema pasticcera con le dosi scritte sopra, per vedere il procedimento cliccate qui, copritela con una pellicola trasparente e lasciate raffreddare.


In una ciotola mescolate la ricotta, le uova, lo zucchero, la cannella e la mezza fialetta di acqua di fiori d'arancio o la fialetta millefiori.


Tirate fuori la pasta frolla, stendetela con il mattarello sulla carta forno, mettete la pasta in una teglia dai bordi medio-alti, rivestite sia il fondo che le pareti.


Riprendete tutte e tre le creme e mescolatele tutte in una ciotola.



Versatele all'interno della pasta frolla, dopo di che pareggiate la superficie con una rondella.


Con i ritagli in esubero fate le strisce e mettetele sulla crostata, formando dei rombi.


Infornate in forno preriscaldato per 1 ora a 180°. Lasciatela raffreddare nello stampo.



Coprite con un foglio di pellicola per alimenti e lasciate riposare in frigorifero per 1 giorno.
Servite a temperatura ambiente cosparsa di zucchero a velo.


Ed ecco una fetta vista in primo piano.



Nessun commento:

Posta un commento

LASCIA UN TUO COMMENTO SE HAI PROVATO LA RICETTA, SE VUOI UN CHIARIMENTO PRIMA DELLA REALIZZAZIONE DEL PIATTO O SEMPLICEMENTE PER LASCIARE IL TUO SALUTO.