mercoledì 11 marzo 2015

PASTICCIO DI POLENTA - COME RICICLARE GLI AVANZI - RICETTA N° 183

Questo è un godurioso pasticcio di polenta avanzata, insaporita con ingredienti che avevo in frigo, che abbiamo mangiato oggi. Non l'avevo mai fatto e devo dire che è uscito davvero buono. Sono rimasta piacevolmente compiaciuta perché continuo a rimanere soddisfatta dalle idee che mi vengono su come riutilizzare gli avanzi del giorno precedente, sopratutto per non buttarli. Saper presentare la stessa pietanza del giorno prima, ma sotto
un'altra forma e sotto un'altro sapore il giorno dopo, è diventata un'arte e un ritorno ai rimedi e consigli delle nostre nonne che 50/60 o 70 anni fa, era per loro, una cosa di tutti i giorni. Oggi come oggi, dove tutto è diventato più precario che mai, riuscire a recuperare avanzi che altrimenti sarebbero destinati ai rifiuti e alla pattumiera, si rivela un modo per riuscire a fare economia, un modo per non fare spreco, un modo per portare in tavola piatti gustosi, e perché no, tenersi in tasca qualche soldino, che sicuramente fa sempre bene. A volte basta l'aggiunta di qualche ingrediente e un po' di inventiva e fantasia, per portare in tavola piatti inediti che vi faranno fare un figurone, anche solo davanti al proprio marito e figli al seguito. Questo è il mio suggerimento per oggi sull'esubero di polenta. Voglio ringraziare voi tutti, perché ieri il mio blog, ha raggiunto un'ulteriore traguardo ; oltre 30.000 visualizzazioni dalla sua apertura. Continuate a seguirmi, non ve ne pentirete. Buona serata cuochine e cuochini.
Dose : per 8/10 porzioni
Preparazione : 15 minuti
Cottura : 30 minuti

Ingredienti : 840 g di polenta già cotta avanzata dal giorno prima, 120 g di prosciutto cotto a pezzettini piccoli , 150 g di  mozzarella a cubetti, 100 g di stracchino, 50 g di Parmigiano grattugiato, 300 g di sugo di pomodoro (ancora meglio se avanzato), sale q.b.

PROCEDIMENTO :

Accendete il forno alla temperatura di 170°/180°.
In una teglia che va in forno fate un leggero strato di sugo eppoi sopra uno strato di polenta tagliata a fettine o a pezzetti (va bene in qualunque modo la recuperate).

Mettete qualche cucchiaio di sugo sparso qua e la e fate uno strato di prosciutto cotto.

Poi mettete il Parmigiano, mozzarella (io lo stracciata tra le mani) e stracchino messo qua e la con un cucchiaino.

Fate un secondo strato, questa volta solo con il prosciutto cotto senza il sugo.


 Procedete con la mozzarella, lo stracchino e abbondante Parmigiano.

Terminate con il resto del sugo livellato per bene e il rimanente Parmigiano. Infornate in forno ormai caldo per 25/30 minuti.

 Una volta sfornata, aspettate 10 minuti prima di tagliare a fette e servire.


Ecco come si presenta all'interno.





Se ti è piaciuta la ricetta, condividila sui social,  lasciami un tuo commento e 1 MI PIACE sulla pagina Facebook, in questo modo potrai essere sempre aggiornato/a sulle novità e sulle ricette.
Diventa FOLLOWER di Daniwella anche su Twitter cliccando qui.
ORA ANCHE SU INSTAGRAM, diventa fan cliccando qui. 
Per contattarmi in privato scrivetemi una email a questo indirizzo : daniela.addis72@gmail.com  

CLICCA QUI E SCOPRI QUALCOSA DI PIU' SU DANIWELLA


Hai già letto queste mie altre ricette ?


Torta di pane raffermo con cacao uvetta e mandorle










Salcacena : contorno di patate con uova e cipolle










Timballo di patate e zucca con salsa besciamella










Ciambellone all'acqua di nonna Tina


Carbonara che piace a noi












ARRIVA NATALE : Il periodo più bello dell'anno

mercoledì 4 marzo 2015

SUPPLI' - COME RICICLARE GLI AVANZI - RICETTA N° 179

Questi suppli li ho realizzati con gli avanzi del risotto ai funghi che avevo cucinato il giorno prima. Ricetta tratta dal libro Cotto e Mangiato di Benedetta Parodi. E' la prima ricetta del libro racchiusa nella categoria Antipasti e Piattini. E' sempre un piatto che cucino, il giorno dopo che ho fatto il risotto, perché puntualmente ne faccio sempre di più, e avanza sempre. Si tratta di un perfetto jolly per riciclare  l'avanzo del giorno prima. E non importa se è